Il concorso, valido come PCTO per i gruppi semifinalisti, che premia la passione per la scienza, l’innovazione e la creatività

Il concorso Mad for Science, che per i gruppi semifinalisti certifica ore valide come PCTO, è organizzato da Fondazione DiaSorin e premia la passione per le Scienze della vita, il lavoro di squadra e il talento.
La richiesta per le classi partecipanti è di prendere parte in maniera attiva alla vita delle loro comunità con progetti di sostenibilità ambientale e sociale fondamentali per il progresso delle comunità. Alle scuole che vogliono competere per la vittoria il concorso chiede dunque l’elaborazione di un repertorio di 5 esperienze didattiche coerenti con gli obiettivi dell’Agenda 2030 avviando una riflessione sull’impatto che le biotecnologie, la ricerca scientifico-tecnologica e l’innovazione possono avere su modelli sostenibili di produzione e consumo e nello sviluppo di città e comunità sostenibili, inclusive e attente alla qualità dell’aria e alla gestione dei rifiuti.
Il concorso è giunto alla quinta edizione, e da quest’anno rivolge l’invito a partecipare a tutti i Licei scientifici e a tutti i Licei classici con percorso di potenziamento di Biologia con curvatura biomedica del territorio italiano.

I premi


La sfida è di proporre un progetto sperimentale innovativo e originale, e i premi in palio per i primi due licei classificati sono: l’implementazione del biolaboratorio (per un valore massimo rispettivamente di 50.000 € e 25.000 €) e la fornitura dei relativi materiali di consumo (fino a un massimo rispettivamente di 5.000 € e 2.500 € all’anno per 5 anni).
Inoltre, la Giuria assegnerà anche un Premio Speciale Ambiente – 15.000 € e, al fine di premiare l’impegno e la dedizione dei team, i restanti 5 Licei non vincitori degli altri premi riceveranno ciascuno un riconoscimento pari a 10.000 €.