Test d’ingresso per l’Università? Niente panico!

Se appena senti nominare “facoltà a numero chiuso” e “test d’ingresso” pensi di non avere possibilità, siamo qui per dirti che invece ce la puoi fare alla grande.
La prima cosa che bisogna mettere a fuoco è che ci sono tre tipologie di accesso ai corsi laurea offerti dalle università italiane:

  • Test di ammissione a corsi a numero chiuso nazionale
  • Test di ammissione a corsi a numero chiuso locale
  • Test di valutazione delle conoscenze

Vediamo più da vicino cosa succede.

Test di ammissione a corsi a numero chiuso nazionale

Si tratta di tutti quei corsi di laurea per cui ogni anno il Ministero dell’Istruzione definisce:

  • il numero di posti disponibili per ogni ateneo sulla base dell’andamento del mercato del lavoro e della potenziale offerta di ogni ateneo
  • i contenuti e le modalità delle prove
  • la graduatoria

I corsi di laurea che prevedono questo tipo di accesso sono:

  • Medicina e chirurgia in italiano
  • Medicina e chirurgia in inglese
  • Medicina veterinaria
  • Odontoiatria e protesi dentaria
  • Architettura
  • I corsi di laurea di primo e secondo livello concernenti la formazione del personale sanitario di 22 tipologie di professioni (es. Scienze Infermieristiche)
  • Scienze della formazione primaria

Ogni anno, durante il mese di maggio, il MIUR pubblica sul suo sito il bando per sostenere il test di ingresso a questi corsi di laurea. Le date e le modalità di svolgimento della prova ovviamente sono stabilite su base nazionale. Generalmente si svolgono in settembre in contemporanea in tutta Italia: per conoscere le date del prossimo anno accademico, continua a leggere questo post.  Una volta sostenuta la prova, il punteggio ottenuto dallə studenti permette di entrare in una graduatoria, sulla base della quale l’università stabilisce quantə di coloro che l’hanno passato potranno accedere all’immatricolazione.

Test di ammissione a corsi a numero chiuso locale

Si tratta in questo caso di quei corsi di laurea per cui è previsto l’accesso programmato tramite test di ammissione, ma il numero di posti disponibili non è stabilito dal MIUR bensì dall’ateneo stesso, sulla base della propria struttura e delle proprie disponibilità.

Le facoltà che tendenzialmente prevedono il test di ingresso sono:

  • Le varie tipologie di Ingegneria
  • Le varie tipologie di Design
  • Le facoltà di Studi Economici e Giuridici*
  • Le facoltà di Scienze del Farmaco
  • Le facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari
  • Scienze della Mediazione Linguistica e Culturale*
  • Le facoltà di ambito psicologico e della formazione
  • Scienze Motorie
  • Facoltà di Scienze e Tecnologie
  • Scienze Politiche, Economiche e Sociali
  • Scienze della Comunicazione

Dato che sono le singole Università a stabilire come gestire i posti disponibili per le aree sopra indicate sono possibili delle modifiche del tutto specifiche dei singoli atenei.

CURIOSITÀ: Alcuni corsi di laurea, in determinati atenei, non prevedono affatto un accesso programmato e dunque sarà necessario sostenere solo il test di autovalutazione.

Le principali eccezioni sono:

  • Giurisprudenza: prevede il test d’ingresso solo negli atenei di Bergamo, Rende, Catanzaro, Livorno, Napoli, Roma, Trento e Verona
  • Scienze della Mediazione Linguistica e Culturale: prevede l’accesso libero negli atenei di Milano, Torino, Napoli, l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, L’Aquila e Pescara, Cagliari e Sassari, Macerata, Siena.

In questo caso è opportuno tenere sempre d’occhio il sito dell’ateneo in cui vuoi iscriverti per verificare l’opzione disponibile.

Test di valutazione delle conoscenze

In questo caso significa che l’ateneo non ha previsto un numero limite di posti per il corso di laurea e che tuttə coloro che desiderano iscriversi troveranno il loro posto. È comunque obbligatorio sostenere un test preliminare prima di immatricolarsi che permette all’università di stabilire il livello iniziale di conoscenze e competenze delle matricole e, nel caso in cui siano necessari, predisporre gli OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi): questi sono una specie di versione universitaria del debito formativo che ci ha perseguitatə alle superiori, che vanno recuperati per colmare le proprie lacune e terminare il percorso universitario.

Ecco qui le facoltà che normalmente prevedono l’accesso libero:

  • Le facoltà degli Studi Umanistici (Lettere – Storia – Filosofia – Beni Culturali – Lingue e letterature straniere ecc.)
  • Il corso di Scienze geologiche
  • Scienze e tecnologie per lo studio e la conservazione dei beni culturali e dei supporti d’informazione
  • Matematica
  • Fisica

In Italia ben 57 atenei si avvalgono del servizio CISIA, il Consorzio Interuniversitario Servizi Integrati per l’Accesso,  che si occupa delle attività nel campo dell’orientamento e dell’accesso agli studi universitari e mette a disposizione il TOLC (Test OnLine CISIA), utilizzato dalle università per l’autovalutazione prima dell’ingresso ai corsi di laurea. Esistono diverse tipologie di test a seconda dell’area di appartenenza del corso di laurea a cui ci si vuole iscrivere e sarà l’università stessa a specificare di quale tipo di TOLC ha bisogno.

Se il tuo ateneo non usa CISIA non preoccuparti! Sarà l’università stessa a dare tutte le informazioni necessarie per sostenere la prova

Come si preparano i test?

Niente panico, i test d’ammissione possono essere difficili ma non sono impossibili e prepararsi in anticipo è un buon modo per scacciare la tensione, le insicurezze e l’ansia da prestazione.

Per tutti i test d’ingresso a base nazionale e per moltissimi test d’ingresso a base locale il portale Alpha Test diventerà il vostro migliore amico finché non avrete superato l’esame. Alpha Test infatti propone sia corsi estivi da seguire per la preparazione del test insieme a un insegnante che possa chiarire tutti i dubbi in tempo reale, sia i manuali necessari da acquistare per sostenere ogni tipologia di esame d’ingresso, sia simulazioni ufficiali del test o di parti del test così da prendere confidenza con le domande che verranno poste. Il tutto disponibile sul sito ufficiale di Alpha Test.Se il test è un test TOLC, ci si può esercitare tramite simulazioni messe a disposizioni sul sito Cisia.

Le date dei test di ammissione per il 2022/2023

Ecco l’elenco delle date dei test di ammissione per l’anno accademico 2022/2023

Test medicina: 6 settembre 

Test veterinaria: 8 settembre 

Test architettura: entro il 23 settembre (ogni ateneo definisce la data in autonomia)

Test professioni sanitarie: 15 settembre

Test medicina in inglese IMAT: 13 settembreTest scienze della formazione primaria: 20 settembre

FAQ: Test ingresso per università

Che tipologia di test di ammissione all’università esistono?

Ci sono tre tipologie di test di accesso ai corsi di laurea. La prima è il test di ammissione a corsi a numero chiuso nazionale (il numero di posti viene stabilito dal Ministero dell’Istruzione). La seconda è il test di ammissione a corsi a numero chiuso locale (il numero di posti disponibili viene stabilito dall’Ateneo). La terza è il test di valutazione delle conoscenze (non viene fissato un numero di posti disponibili, ma serve a valutare obbligatoriamente il grado di conoscenze e competenze).

Quali sono le materie dei test di ammissione?

Le materie variano in base al test scelto. I test di Medicina, Veterinaria e Professioni sanitarie prevedono quesiti di logica, cultura generale, biologia, chimica, fisica e matematica. Gli stessi argomenti sono previsti per i test afferenti alle facoltà di Farmacia, Biologia, CTF e Biotecnologie. Il test d’ingresso a scienze motorie, oltre alle materie precedenti, prevede anche quesiti di sport. Mentre per il test di architettura, oltre a queste materie, ci sono anche quesiti di storia e di disegno. Il test d’ingresso a scienze della formazione primaria valuta: la competenza linguistica e il ragionamento logico, la cultura letteraria, storico-sociale e geografica e, infine, la cultura matematico-scientifica.

Si possono fare più test di ammissione all’università?

Sì, è possibile sostenere più test di ingresso universitari. L’importante è che essi si svolgano in date diverse. Per i test nazionali che si svolgono lo stesso giorno non è possibile sostenere la prova in più università.

Cos’è il TOLC?

Il TOLC è l’acronimo che indica il Test OnLine CISIA, che permette l’autovalutazione prima dell’ingresso ai corsi di laurea. Il servizio CISIA è l’acronimo del Consorzio Interuniversitario Servizi Integrati per l’Accesso e si occupa di orientamento e accesso all’università.

Il TOLC vale per tutte le università?

No, non tutti gli Atenei si avvalgono del servizio CISIA e, di conseguenza, del TOLC. Sarà quindi l’università stessa a fornire tutte le informazioni necessarie per poter sostenere il test d’ingresso.

Come mi iscrivo al test?

Per i test nazionali di Medicina, Architettura e IMAT ci si deve collegare al portale Universitaly e seguire gli step richiesti. I test delle Professioni Sanitarie e di Scienze della Formazione sono invece regolati dai bandi delle singole università. Ogni bando indicherà la procedura da seguire.

Come funziona la graduatoria nazionale?

In base al punteggio ottenuto al test d’ingresso, si entra nella graduatoria nazionale. Poi, in base al posto ottenuto in graduatoria, la singola università stabilisce il numero di studenti che potranno immatricolarsi. Può esserci la dicitura “Assegnato”, quindi con un posto nella prima preferenza utile (ci si potrà immatricolare direttamente, senza aspettare alcuno scorrimento), oppure “Prenotato”. In questo secondo caso, si ha un posto nella prima preferenza utile dalla seconda in avanti. In quanto prenotato ci si può immatricolare nella preferenza in cui si è ottenuto un posto oppure aspettare lo scorrimento della graduatoria di un’altra sede di vostra preferenza.

Come fare se non passo il test di ammissione all’università?

Se non sei riuscito a superare il test d’ingresso all’università, ci sono più strade da poter seguire. È possibile attendere lo scorrimento della graduatoria, con la speranza che si liberino dei posti a causa di studenti che decidono di non immatricolarsi. Oppure potete iscrivervi a una facoltà alternativa che vi aiuti a studiare le materie presenti nel test d’ingresso scelto e sostenere poi la prova nuovamente l’anno dopo. La terza alternativa è quella di immatricolarsi all’estero. Esistono degli atenei esteri che non prevedono il test d’ingresso.

Quali sono le date dei test nazionali per l’anno 2022-2023?

La data del test di medicina è il 6 settembre. La data del test di medicina veterinaria è l’8 settembre. La data del test di architettura è variabile, viene definita da ogni ateneo, e va fissata entro il 23 settembre. La data del test per le professioni sanitarie è il 15 settembre. La data del test di medicina in inglese IMAT è il 13 settembre. Infine, la data del test di scienze della formazione primaria è il 20 settembre.

Previous articleMatteo Sciutteri, game designer
Next articleVolevo fare l’insegnante
Vivo a Chiavari, in provincia di Genova, perché mi piace scrivere in riva al mare. Dopo una laurea in Linguaggi dei Media mi sono buttata a capofitto nel mondo del teatro e dell’arte, per poi collaborare stabilmente con agenzie di comunicazione e service design, con una particolare attenzione all'orientamento e al supporto delle community di studenti. Frequento corsi di sceneggiatura e regia, partecipo al progetto di drammaturgia Short Latitudes del British Council, vinco le selezioni per il corso di RaiLibri, casa editrice di mamma RAI – Radiotelevisione Italiana. Ho una maremmana di nome Cloe, due fratelli, due nipoti e - quasi sempre - una voglia matta di ballare.

LASCIA UN COMMENTO