Ovvero: la guida definitiva per diventare esperti del social del lavoro

Cos’è LinkedIn e a cosa serve

LinkedIn è il social network dedicato al lavoro più famoso al mondo, sempre più in crescita. Le sue caratteristiche fanno sì che sia la piattaforma virtuale più frequentata da chi cerca nuove opportunità professionali e da chi vuole sviluppare il proprio business attraverso la generazione di nuovi contatti: un profilo LinkedIn infatti è un ottimo modo per presentarsi, far conoscere ad altre persone le proprie esperienze e i propri interessi nel campo professionale. È come un biglietto da visita virtuale tramite il quale conoscere nuove realtà, aggiornarsi e condividere le attività svolte con la propria rete di contatti. È fondamentale, quindi, assicurarsi che il profilo sia completo e in linea con l’immagine che vuoi dare di te.

Costruisci il tuo profilo

Per costruire un profilo LinkedIn efficace bisogna compilare tutte le sue sezioni. La piattaforma infatti premia e considera ben posizionato un profilo che raggiunge il massimo livello di completezza. Compilare tutte le sezioni del profilo è un modo per posizionarsi in maniera positiva, ma soprattutto un’opportunità per mettere in luce i propri punti di forza gli occhi dei visitatori. Quali sono le sezioni del profilo?


Headline

È la prima cosa che gli utenti leggono e vedono di te quando ti trovano nei risultati di ricerca o quando atterrano sul tuo profilo. Quindi, devi essere in grado di scriverne una che sia creativa, efficace e mostri la passione per ciò che fai o per ciò che vorresti fare. Ad esempio potresti dire “Social Media Manager alla ricerca di nuove opportunità creative“.

Esperienze

Questa sezione non richiede di incollare il proprio curriculum, ma offre uno spazio in cui comunicare ciò che è stato fatto, i risultati ottenuti nelle proprie esperienze lavorative, di qualunque tipo siano state. Descrivi la tua storia professionale, aggiungendo anche elementi esterni come foto, video, link esterni che ti permetteranno di mostrare nella pratica ciò di cui sei capace.


Formazione

Per i giovani studenti questa sezione è particolarmente importante. Infatti, se non hai ancora esperienza lavorativa, o se ne hai veramente poca, sfruttare questa sezione è una carta importante da poter giocare. Puoi inserire progetti scolastici, competizioni, corsi interessanti che hai seguito o attività extracurriculari. Come nella sezione “esperienza”, anche questa può essere arricchita aggiungendo foto, video o articoli.Volontariato: se ne hai, puoi aggiungere anche le esperienze di volontariato, soprattutto se sono cose a cui tieni particolarmente e che possono valorizzare la tua immagine professionale.

Riepilogo

Infine il riepilogo, un elemento fondamentale. Qui avrai modo di riassumere il tuo percorso professionale, le tue aree di competenza, i tuoi più grandi risultati. Non è necessario che sia troppo lungo, basta un paragrafo breve e incisivo, capace di riassumere in poche parole il tuo percorso.

La foto profilo

Come in ogni altro social network, l’immagine personale è il primo elemento su cui le persone si soffermano quando notano un nuovo profilo. Su LinkedIn, in particolare, l’immagine ha un ruolo centrale, perché le persone sono meno incentivate a contattare una persona che non si mostra, o che si mostra in maniera inappropriata al contesto professionale di questa piattaforma. Una buona immagine personale deve trasmettere professionalità, calore e deve riflettere in modo autentico la nostra personalità. Sono quindi da escludere foto di gruppo, o immagini che ti ritraggono in un mood festaiolo o vacanziero, oppure insieme al tuo gatto. Se vogliamo essere più tecnici deve anche essere 500×500 pixel, di alta qualità e risoluzione, dritta, e deve raffigurarti da solo in primo piano o mezzo busto in un contesto professionale, con uno sfondo neutro.

Richiedi il tuo URL

Tra le informazioni di contatto disponibili sotto la foto e l’headline, si trova l’URL del tuo profilo. Un URL personalizzato con il tuo nome e cognome può essere un supporto per aumentare il numero delle visualizzazioni, ma soprattutto renderà più semplice la reindirizzazione al tuo profilo.
Personalizzare l’URL è semplice.
1. Vai sul tuo profilo

2. Clicca sulla matita per aprire la scheda di modifica

3. Clicca sulla matita vicino a “URL profilo, Email, ID WeChat”

4. Clicca sull’URL del tuo profilo

5. Clicca sulla matita vicino a “Modifica il tuo URL personalizzato”

6. Personalizza il tuo URL!

Attenzione ai dettagli

Ci sono, infine, alcune sezioni che non sempre vengono curate con la giusta attenzione ma che sono comunque importanti e contribuiscono a rendere la tua presenza sulla piattaforma più dinamica:
Le compagnie che segui: a volte i selezionatori controllano i propri followers e contattano coloro che sembrano dei buoni candidati per l’azienda.

Gruppi: entrare a farne parte contribuisce a segnalare i tuoi interessi, ed è un buon modo per stringere nuovi legami e conoscere nuove persone. 

Certificati e premi: se hai ricevuto un premio significativo o hai ottenuto una certificazione, condividi l’aggiornamento sul tuo profilo.

Come comportarsi su LinkedIn

Abbiamo visto come creare e impostare il proprio profilo per presentarsi al meglio e raccontare la propria esperienza sulla piattaforma. Ora, però, arriva la parte più difficile: come ci si comporta su LinkedIn? Scopriamo alcune dinamiche di funzionamento di questo social dedicato al lavoro.

Costruirsi una rete

La tua attività su LinkedIn non può prescindere dalla creazione di una rete di contatti e connessioni, che sarà fondamentale per la ricerca di lavoro, lo sviluppo di nuove competenze e la scoperta di novità. Questi contatti devono essere legati al settore del lavoro e agli interessi personali e professionali, ma quando si apre il proprio profilo è giusto cercare una connessione con alcune delle persone che già si conoscono, per cominciare a dare forma alla rete. Per questo motivo, LinkedIn consente di aggiungere direttamente i contatti dalla rubrica personale delle principali piattaforme mail attraverso una semplice procedura di importazione guidata. Questo, però, è solo il primo passo a cui deve seguire un lavoro costante, svolto con cura e attenzione per il quale abbiamo due strumenti a disposizione: la funzione “persone che potresti conoscere”, grazie a cui LinkedIn suggerisce profili che rispettano gli interessi, i contatti e le relazioni che abbiamo indicato, e la “ricerca avanzata”, che permette di trovare contatti filtrati grazie a delle keyword che possiamo inserire noi, come il ruolo professionale, l’azienda, il nome…
Una buona norma può essere quella di invitare su LinkedIn i nuovi contatti appena conosciuti, o di presentarsi con un breve messaggio alle persone che non si conoscono, ma a cui si invia una richiesta di contatto.

Interazioni e attività

Se è importante costruire una rete di contatti, è altrettanto importante interagire con queste persone: che sia fra i commenti ad un post o nei gruppi, l’importante è favorire il dialogo e lo scambio di opinioni, esperienze, consigli.
Se il tuo obiettivo è quello di avere una presenza attiva su LinkedIn, devi sviluppare il tuo network e metterti in gioco. Inizia a seguire le pagine di tuo interesse, i profili più rilevanti per il settore del lavoro che vuoi svolgere, leggi cosa scrivono ed esprimi la tua opinione commentando i loro status. Non fare commenti sterili o fine a se stessi: integra, esponi nuovi punti di vista e se sei in disaccordo rispetta comunque le opinioni altrui. Devi fare in modo che ogni tua interazione porti valore: proponi qualcosa di nuovo anziché criticare, parla di esperienze incoraggianti, riconosci un merito invece che opporti a chi ha opinioni diverse dalle tue.

Pubblica dei contenuti

Come in ogni altro social, anche su LinkedIn ad essere seguite sono le figure che hanno qualcosa da proporre. Per questo, la pubblicazione di articoli, la condivisione di aggiornamenti, immagini, o testi rappresenta una modalità valida di interagire e presenziale sulla piattaforma. 
La regola è semplice: sii utile al tuo network. I tuoi contatti decidono di seguirti perché sei interessante, sempre aggiornato, utile nel segnalare argomenti interessanti, e quindi in sintesi per aiutarli a crescere professionalmente.

FAQ: Le opportunità offerte da LinkedIn

Cos’è e come si usa LinkedIn?

Linkedin è un social network dedicato al lavoro. È indicato sia per chi vuole farsi conoscere e trovare lavoro, sia per chi cerca collaboratori o dipendenti, che per chi vuole far crescere il proprio business. Per usarlo basta creare il proprio profilo, compilando tutti i vari campi richiesti. Come se fosse un vero e proprio curriculum online.

Quali opportunità offre LinkedIn?

Con Linkedin è possibile creare una propria identità online, così da poter essere trovati sia da potenziali clienti che da potenziali datori di lavoro. Sulla piattaforma è possibile sia mettere annunci di lavoro che rispondere ad annunci, caricando in pochi click il proprio curriculum vitae. È possibile anche contattare gli altri utenti ed essere contattati tramite messaggio privato e confrontarsi su tematiche lavorative.

Cosa comporta l’iscrizione a LinkedIn?

L’iscrizione a Linkedin è gratuita, ma alcune funzionalità sono limitate, per sbloccarle bisogna attivare la versione Premium. Una volta iscritti, bisogna creare il proprio profilo caricando una foto e indicando il proprio grado di istruzione, le esperienze lavorative, le competenze acquisite ed eventuali corsi di formazione. Dopo lo si potrà usare come un social network vero e proprio.

Come si usa LinkedIn per trovare lavoro?

Ci sono varie opzioni per trovare lavoro su Linkedin. La prima è la più semplice, ovvero rispondere agli annunci di lavoro presenti sulla piattaforma e attinenti con il proprio profilo professionale. Si possono inserire anche dei filtri e richiedere di ricevere email ogni volta che viene pubblicato un annuncio che potrebbe fare al caso nostro. Il secondo è la possibilità di essere contattati direttamente da privati o aziende (i cosiddetti “recruiter”) che stanno assumendo e che stanno valutando i profili che più si avvicinano alla figura ricercata. Il terzo è di proporsi spontaneamente ai profili di proprio interesse (anche al di fuori della piattaforma) linkando la propria pagina Linkedin. Se si decide di diventare liberi professionisti, con Linkedin è possibile attirare anche nuovi clienti.

Come posso rendere più ‘attraente’ il mio profilo LinkedIn?

Il vantaggio di Linkedin è che la strutturazione del proprio profilo è completamente guidata. Basta compilare i campi richiesti. Per rendere il proprio profilo più accattivante, non bisogna dimenticarsi di inserire un’immagine del profilo nel quale si appare professionali. In seguito, si devono compilare tutti i campi in maniera sincera ed esaustiva. Linkedin permette anche di creare una rete di collegamenti e anche collegarsi con numerosi utenti affini al proprio lavoro può rendere il profilo più autorevole.

Chi ha visitato il tuo profilo LinkedIn?

Con il profilo gratuito di Linkedin, è possibile conoscere solo una parte degli utenti che visitano il tuo profilo. I nomi, comunque, vengono segnalati nell’apposita sezione (alcuni vengono indicati solo come “Utente Linkedin”) ed è possibile vedere quante persone hanno visualizzato il tuo profilo nell’arco di una settimana o di un mese. Per sbloccare i nomi tutti i profili bisogna attivare l’account premium di Linkedin.

Cosa guarda principalmente un recruiter su un profilo LinkedIn?

Per prima cosa, un recruiter valuta l’attinenza del profilo con la mansione richiesta. Successivamente, si concentra sulla cronologia delle esperienze lavorative (se presenti) così da farsi bene un’idea del candidato, anche dal punto di vista anagrafico. Alla fine, si valutano le conoscenze e competenze maturate e la presenza o meno di eventuali corsi di formazione utili ai fini del lavoro richiesto.

In quale campo qualcuno ha trovato lavoro tramite LinkedIn?

Ormai gran parte delle aziende usano Linkedin, quindi i campi richiesti sono i più disparati. Alcuni studi hanno evidenziato che, a livello mondiale, 122 milioni di persone hanno ottenuto un colloquio grazie a Linkedin. Tra queste, 35 milioni poi sono state assunte.

In che modo LinkedIn aiuta nella propria carriera?

Un buon profilo Linkedin ottimizzato, per prima cosa, permette di essere trovati dai recruiter o di rispondere ad annunci di lavoro e, di conseguenza, di trovare impiego. Questo non solo se si è alle prime armi, ma anche successivamente se si decide di cambiare datore di lavoro. Chi invece ha già una base, può usare il suo profilo Linkedin per attirare nuovi clienti. Tra le funzionalità di questo social network c’è anche quella di pubblicare e condividere articoli attinenti al proprio lavoro e ai propri risultati raggiunti. In modo da essere “appetibili” sia da privati, che da aziende, che dai clienti. Infine, è anche possibile creare una propria rete di contatti così da farsi conoscere anche dai colleghi.

Previous articleIl Servizio Civile Universale
Next articleParliamo di Gender Gap
Vivo a Chiavari, in provincia di Genova, e sono un’aspirante perfezionista che è anche una procrastinatrice incallita. Dopo aver iniziato l'Università ho capito che in realtà volevo viaggiare, vedere il mondo e conoscere gente nuova. Per cui ho cominciato a lavorare sulle navi da crociera, ma ogni marinaio prima o poi deve far ritorno alla base! Ed è in quel momento che ho iniziato a formarmi nel campo dei social media e del digital marketing, occupandomi di content creation per un'agenzia di comunicazione. Voglio condividere con tutti il mio entusiasmo per l'orientamento e la scoperta delle possibilità a nostra disposizione. Parlo 5 lingue, la mia famiglia si divide nel mondo tra sud e nord America, sono una Coach di Cheerleading e amo la musica.

LASCIA UN COMMENTO