Se ne parla poco ma esistono, e forse possono esserti utili per il tuo futuro

In Italia il prestito d’onore non è ancora molto popolare, perché molto spesso prevale il preconcetto che anche l’istruzione superiore e specialistica debba essere economicamente sostenuta dalle famiglie degli studenti. Ma se sei uno spirito libero e vuoi cominciare a prenderti le tue responsabilità, il prestito d’onore può essere l’occasione perfetta per te!

Una definizione

Il prestito d’onore si chiama così perché si fonda sull’impegno morale che, chi lo contrae, si assume nei confronti dello Stato di terminare il proprio percorso di studi. È un prestito agevolato rivolto soprattutto agli studenti e alle studentesse che desiderano proseguire nella loro carriera universitaria. Questo tipo di prestito è molto vantaggioso sia da un punto di vista pratico, perché nella restituzione del prestito ci sono tassi ridotti e diverse possibilità di rateizzazione della restituzione, sia da un punto di vista delle opportunità perché per esempio lo si può richiedere per finanziare lauree, specializzazioni o master in paesi esteri a cui altrimenti sarebbe più difficile accedere.

Come si accede al prestito

Nel nostro Paese, per ottenere il prestito d’onore bisogna essere un cittadino italiano di età compresa tra i 18 e i 40 anni; è necessario essere in possesso di un diploma di maturità con un punteggio minimo di 75/100 oppure, nel caso in cui si abbia concluso il percorso di laurea triennale, bisogna aver superato il relativo esame di laurea con un punteggio minimo di 100/110 (sussiste sempre il criterio di merito nell’erogazione del prestito poiché ogni anno bisogna aver superato almeno la metà degli esami in piano).Nella maggior parte dei casi non sono necessarie fideiussioni da parte di terzi o altri tipi di garanzie perché è lo Stato stesso a farsi garante per il 70% del prestito. Inoltre non è necessario avere un reddito perché la restituzione del prestito parte da sei mesi dalla fine del percorso di studi finanziato per permettere allo studente di inserirsi nel mondo del lavoro e adempiere dunque alla restituzione del prestito.

Chi lo eroga?

Il finanziamento può essere compreso tra i 2.000€ e i 50.000€ e può essere restituito entro due anni dal termine degli studi oppure convertito in un prestito personale della durata massima di 30 anni. I principali istituti di credito italiani propongono questo tipo di prestito, e possiedono dei piani specifici e delle convenzioni con i vari atenei, per cui sarà possibile ottenere il prestito solo per una formazione specialistica in uno degli atenei convenzionati.Esiste anche il progetto Diamogli Futuro della Presidenza del Consiglio dei ministri che permette di ottenere un prestito di massimo 25.000€ con le stesse caratteristiche del prestito d’onore, però di patrocinio pubblico invece che privato.

Qualunque siano le tue ambizioni, le tue possibilità finanziarie o le tue esigenze il prestito d’onore resta un’opportunità notevole che può essere vantaggiosa per tutti coloro che, pur non rientrando nei criteri di assegnazione delle borse di studio, necessitano di un supporto finanziario al loro percorso di studio.

Previous articleParliamo di Startup
Next articleMonica Muraca, medico specialista
Vivo a Chiavari, in provincia di Genova, perché mi piace scrivere in riva al mare. Dopo una laurea in Linguaggi dei Media mi sono buttata a capofitto nel mondo del teatro e dell’arte, per poi collaborare stabilmente con agenzie di comunicazione e service design, con una particolare attenzione all'orientamento e al supporto delle community di studenti. Frequento corsi di sceneggiatura e regia, partecipo al progetto di drammaturgia Short Latitudes del British Council, vinco le selezioni per il corso di RaiLibri, casa editrice di mamma RAI – Radiotelevisione Italiana. Ho una maremmana di nome Cloe, due fratelli, due nipoti e - quasi sempre - una voglia matta di ballare.